martedì, aprile 01, 2008

IL VOTO DEGLI ITALIANI ALL' ESTERO


Con mio enorme stupore oggi sono venuta a conoscenza che non esiste attualmente in Italia una lista precisa e certa degli italiani risiedenti all' estero. Ma soprattutto mi chiedo cosa puo' spingere un nostro emigrante a votare per un Paese che non lo rappresenta piu', una madre patria che ha dimenticato i suoi figli nei meandri piu' lontani della terra. Gia' io, che ci vivo sono profondamente amareggiata e delusa dalla nostra classe politica, non capisco cosa spinge un certo Vito Rossi abitante di La Paz a votare per un Paese che non lo rappresenta piu' e addirittura si e' dimenticato di lui...

Personalmente non so se andro' a votare, siamo nelle mani di venditori di fumo.


Per saperne qualcosa di piu' vi consiglio di entrare nel sito di etleboro.com e cercare l' articolo: Etnocidio elettorale. Ho provato ad attaccare il link ma il sito e' momentaneamente fuori uso.


Aspetto commenti anche e soprattutto da eventuali emigranti italiani.

3 commenti:

Donna Cannone ha detto...

La perplessità è condivisibile. Eppure, ho visto in altri e provato emzozione analoga: all'estero, soprattutto quando sei sganciato dalla cultura e società del Paese ospitante, è facile sviluppare un sentimento di illusoria nostalgia, che ammanta di visioni meravigliose la terra che hai lasciato.

Forse questo incide un po' su alcuni emigrati?

Dumuro ha detto...

See Please Here

Marina ha detto...

Si puo' essere una forma di nostalgia verso il proprio paese, ma le immagini di Napoli hanno fatto il giro del mondo.
Provando a mettermi nei panni di chi sta fuori dall' Italia posso provare una nostalgia verso certi prodotti tipici, verso nostri luoghi bellissimi, verso quel modo di essere italiano (fantasioso e simpatico)ma alla sola vista dei rifiuti della Campania mi prenderebbe soltanto un senso di dispiacere e rabbia e perche' no un po' di sollievo per non abitarci piu'.
Non sai quante volte ho pensato di andarmene, ma con marito, genitori e mutuo da finire di pagare e' difficile una scelta del genere.